Seleziona una pagina

RORISU IN JAPAN

Ciao! Mi chiamo Loris, ma i giapponesi mi chiamano Rorisu.

La mia storia

Ho sempre sognato il Giappone,
sin da bambino

Un giorno, di ritorno da scuola, dissi a mia madre: “Mamma, io voglio vivere in Giappone”.

Avrò avuto all’incirca sei anni o giù di lì. Ricordo che lei, probabilmente colta un po’ alla sprovvista dalla mia dichiarazione improvvisa, mi assecondò sorridendomi con indulgenza.

Oggi, parecchi anni più tardi, siedo al tavolo della cucina e getto un’occhiata distratta fuori dalla finestra, il portatile perennemente aperto sul lavoro di traduzione del momento. Davanti a me il susseguirsi irregolare di imponenti palazzoni anni ’70 e grattacieli di ultima generazione incastrati a forza tra le casette decrepite di inizio secolo. Un angolo di Tokyo come tanti altri, che però è speciale perché da anni chiamo casa. Mi perdo in questo panorama a tratti così distante e contemporaneamente incredibilmente famigliare, al punto da smarrire quasi la cognizione dello spazio-tempo. Ripenso un attimo a mia madre. Se solo all’epoca avesse saputo come sarebbe andata a finire, chissà come avrebbe reagito quella volta.

Non posso dire assolutamente di essere cresciuto sentendo parlare di Giappone in famiglia, né dai miei genitori, né da qualcun altro nelle immediate vicinanze. Nessuno mi ha palesemente invogliato a intraprendere questa via anche se, col senno di poi, ogni tanto mi capita di domandarmi se la stampa vintage in stile ukiyo-e appesa al muro dell’ingresso raffigurante due donne giapponesi in kimono abbia in qualche modo inconsciamente influito sulle scelte del sottoscritto.

Quel pomeriggio assolato di prima elementare annunciai candidamente il mio futuro, con il fuoco negli occhi e l’ingenua determinazione di cui solo i bambini sono capaci. La vita ovviamente mi ha portato lungo sentieri inattesi e improbabili, alimentando il me adulto di tanti altri sogni e prospettive. Tuttavia nonostante i vari giri di boa e le mirabolanti sterzate, gli innumerevoli incidenti di percorso e i cambi di programma, oggi sono qui. Guardo fuori dalla finestra del mio appartamento di Tokyo, e racconto al piccolo Loris dentro di me che ce l’ha fatta. Ha vinto lui alla fine.

Vivo a Tokyo in pianta stabile dal 2012 e lavoro come traduttore e interprete.

Specialmente all’inizio della mia carriera da traduttore, ho avuto modo di mettermi alla prova in diversi ambiti spaziando dal marketing al settore legale, passando per la saggistica e alcuni testi più rigorosamente tecnici e scientifici. Attualmente mi occupo quasi esclusivamente della traduzione di romanzi e narrativa. E lo faccio sempre con estrema passione.

I servizi di interpretariato fanno invece principalmente riferimento all’assistenza di cui un’azienda (o il singolo imprenditore) ha bisogno quando arriva per la prima volta in Giappone per iniziare o consolidare un business, o per partecipare a una fiera, un evento, ecc. Ovviamente un interprete potrebbe tornare utile in moltissime altre circostanze: non esitate a chiedere!

Essendo un inguaribile amante dei viaggi, ho deciso inoltre di unire questa passione con la mia conoscenza del Giappone e della sua meravigliosa cultura e così, tra la traduzione di un libro e il supporto a una fiera, accompagno anche gruppi turistici (o singoli avventurieri) alla scoperta delle meraviglie di questo luogo fantastico.

Negli anni ho avuto modo di visitare angoli anche remoti del Paese, e amo condividere questi capolavori con degli appassionati alla ricerca di un’esperienza tutt’altro che mainstream.

All’occorrenza realizzo anche percorsi e itinerari personalizzati.

Ishigaki e le isole Yaeyama: l’estremo sud del Giappone

Se già mi seguite su Instagram, sapete che sono appena tornato da un viaggio a dir poco eccezionale a Ishigaki e altre isole dell'arcipelago delle Yaeyama! Sono un amante del mare, delle isole in particolare, e considerando il fatto che il Giappone è un arcipelago di...
diritti dei figli in giappone

DIRITTI DEI FIGLI IN GIAPPONE

In Giappone la concezione di “diritti dei figli”, in particolare nel contesto della separazione dei genitori, si distanzia parecchio rispetto a come lo intendiamo noi. L’imprescindibile diritto di entrambi i genitori di rimanere al fianco dei propri figli per il bene intrinseco del minore passa in secondo piano. Oggi vi racconto la storia di Tommaso Perina, e la realtà dei cittadini giapponesi che “sottraggono” legalmente i minori dall’altro coniuge.

TRENT’ANNI DI BARAZOKU

Barazoku è la prima rivista del Giappone rivolta esclusivamente a un pubblico omosessuale. Qui tutta la storia della comunità LGBT giapponese.

Matrimoni di facciata

MATRIMONI LGBT… MA NON TROPPO

In Giappone il matrimonio è tuttora un traguardo molto importante. Com’è la situazione attuale? E come veniva aggirato l’ostacolo all’interno della comunità gay fino a pochi decenni fa? I matrimoni di facciata e la rubrica di incontri virtuali sulla rivista Barazoku.

Comunicazione amorosa

L’AMORE NON CONOSCE BARRIERE (?)

La comunicazione non è sempre verbale, e in questo il Giappone è maestro. Qui alcune riflessioni personalissime sul binomio giapponesi-amore in chiave comunicativa.

Shinjuku Nichome

STORIA E ORIGINI DI SHINJUKU NICHOME

Shinjuku Nichome è il quartiere gay più grande di tutto il Giappone. La sua storia verso l’affermazione di cuore pulsante della cultura gay giapponese inizia più di quattro secoli fa.

FOREVER TURISTI DI PASSAGGIO

L’integrazione di uno straniero in Giappone non è un gioco da ragazzi.

LA FORTUNA AIUTA GLI AUDACI

Diventare traduttori richiede passione e tradurre è sempre stato il mio sogno, sin da bambino. Volevo raccontare il Giappone e offrirlo così com’era, nudo e crudo, ai lettori italiani.

IPPONJIME O “TANA LIBERA TUTTI!”

Che si tratti di un compito scolastico, una gita, un allenamento, una riunione, lo smembramento della compagine non è immediato subito dopo la conclusione dell’attività. A questo serve l’ipponjime.

UNO PER TUTTI, E TUTTI PER UNO

Oggi, dopo diversi anni di vita in Giappone mi capita di passeggiare e di trovarmi a pensare che, tutto sommato, anche io faccio parte di questo posto.